Comune di Suvereto (LI)

Musei

guida alla ricerca
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Media bordo
Natura (Suvereto)
Logo Comune di Suvereto
Musei
media_bianco 4x4

ROCCA DI SUVERETO - MOSTRA PERMANENTE
STORIA, STORIE E LABORATORIO DI IDENTITA'


La Rocca Aldobrandesca è il luogo dove tutto è cominciato.
Dalla prima semplice torre che gli Aldobrandeschi edificarono a guardia dei confini settentrionali del loro feudo maremmano, fino alla fortezza che i pisani completarono all’inizio del XIV secolo, è attorno a questo sito che la storia e l’identità della comunità suveretana ha preso forma.
Quello che visiterete non è un classico museo. Vi chiediamo invece di compiere un breve ma intenso viaggio attraverso alcuni episodi che sono rimasti profondamente radicati nella memoria collettiva della nostra gente e ne hanno forgiato l’identità profonda.
Ciò che apparirà evidente è che Suvereto è stato da sempre un luogo “aperto”, di scambio e di contaminazione. Dalla Charta Libertatis, che apriva con forza all’accoglienza di nuovi cittadini, alle ardite novità introdotte da Elisa Bonaparte, alle secolari migrazioni stagionali della transumanza, questo ha delineato nel tempo la vera identità della comunità: non chiusura verso “gli altri” o addirittura “contro gli altri”, ma, al contrario, identità come apertura al nuovo, allo straniero, al diverso, all’altro da sé.
Tutto questo vive ancora oggi nel carattere della gente di Suvereto, nella loro semplice e calorosa capacità di accoglienza, nel loro senso civico, nel loro attaccamento alla libertà.
Per raccontare questa piccola e straordinaria vicenda non serviva un “museo della memoria”. La memoria non è statica, ma in continuo divenire. Serviva un luogo coinvolgente, emozionale, che stimolasse la curiosità e la voglia di partecipare alla costruzione costante di questa memoria e di questa identità. Quindi, visitandolo, non limitatevi a guardare, ma ascoltate, toccate, manipolate.
Buon viaggio.

Photogallery Mostra Permanente "La Rocca" 

 

 

 
MUSEO D'ARTE SACRA - Sala San Giusto


Il Museo di San Giusto, frutto di un impegno congiunto del Comune e della Parrocchia, è il contributo fondamentale di Suvereto al Giubileo dell’anno 2000, punto di una rete più ampia di musei e parchi culturali che si articola sul territorio della Val di Cornia e della Diocesi di Massa Marittima-Piombino. La sua collezione – sculture, quadri, arredi e paramenti sacri – testimonia l’importanza di Suvereto e della sua Chiesa nel medioevo e nella prima età moderna, mentre il contesto nel quale è collocato, cioè l’edificio stretto tra la millenaria Pieve di San Giusto e la porta principale del paese murato, rende il Museo una tappa irrinunciabile per ogni visitatore di Suvereto.

Il Museo, il cui allestimento è in fase di completamento, accoglie il patrimonio artistico locale, tra cui si segnalano le statue di legno policromo, attribuite a Lorenzo di Pietro detto Il Vecchietta (XIV sec.), diverse tele a olio del Seicento e la scultura marmorea della Madonna con Bambino di Andrea Guardi.

Photogallery del Museo d'Arte Sacra


MUSEO ARTISTICO DELLA BAMBOLA - Collezione Maria Micaelli


In un antico locale di Via Magenta è stato allestito il “Museo artistico della Bambola”. La collezione qui ospitata messa insieme e donata da Maria Micaelli, rappresenta una grande ricchezza culturale, in quanto espressione di una continua evoluzione delle tecniche costruttive e di un’approfondita ricerca dei materiali: legno, cartapesta, porcellana, biscuit, panno.

La campionatura proposta è particolarmente completa e significativa dei mutamenti di stile verificatisi attraverso i secoli e delle diverse tipologie. Gli esemplari presenti provenienti dalle manifatture più svariate d’Italia, sono esposti secondo criteri qualitativi per il loro valore storico e artistico, con intenti informativi e didattici. Di notevole interesse è la sezione dedicata alle bambole della Casa Lenci – fondata a Torino nel 1919 – sicuri manufatti d’artista che divennero un vero e proprio fenomeno commerciale d’oltreoceano duranti gli anni ’30 e ’40. Rappresentativi della sezione delle bambole antiche sono i Bamboli Sardi, coppia di bambolotti con testa in cartapesta dipinta e corpo in panno imbottito, costruiti verso la fine del XIX secolo. La collezione è inoltre costituita da una notevole quantità di bambole realizzate da artisti contemporanei, in particolare le bambole “artistiche” dipinte da Eugen, pseudonimo di un notevole pittore livornese.

Al fine di creare un legame fra le bambole di ieri e quelle di oggi, è stata realizzata una sezione dedicata alle bambole degli anni ’50, prodotte in plastica rigida e caratterizzata da occhi mobili e da marchingegni “parlanti”. Infine, per completare la visione e facilitare la comprensione del complesso fenomeno “bambola”, il museo ospita un piccolo book-shop dotato di materiale iconografico, pubblicazione, accessori, bambole di carta ed altro.

Photogallery del Museo Artistico Della Bambola

Condividi

- Inizio della pagina -

Comune di Suvereto (LI)
Palazzo comunale - Piazza dei Giudici, 3 57028 Suvereto (Li)
tel. 0565829923 - fax 0565 828002
e. mail: suvereto@comune.suvereto.li.it - mail certificata: comune.suvereto@postacert.toscana.it
Il portale del Comune di Suvereto (LI) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Le foto pubblicate su questo portale sono protette da copyright

Il progetto Comune di Suvereto (LI) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it